Storia dell'Arte Fluida

 

Nel XIX secolo, l'arte moderna è emersa come movimento artistico attraverso il rifiuto dei metodi artistici tradizionali e l'adozione di nuove idee nella pittura, tralasciando l'uso convenzionale del pennello; in questo contesto nasce l’arte fluida quando, negli anni 30, l’artista messicano David Alfaro Siqueiros esercita per la prima volta la sua tecnica di “Pittura accidentale” versando semplicemente colori diversi su un pannello di legno e permettendo ai colori di diffondersi, fondersi e infiltrarsi l’uno all’altro. Siqueiros si innamora subito del risultato estetico del suo esperimento ma quello che lo entusiasma ancora di più è la scienza che c’è dietro al movimento di quella vernice, e per questo, attraverso la sperimentazione, ne studia alcuni meccanismi. Nel 1936 Siqueiros propone un laboratorio di questa nuova tecnica e il famoso pittore americano Jackson Pollock, allievo di Siqueiros e presente al workshop, sviluppa il suo caratteristico stile di dripping.

 

 

L’arte fluida e la scienza

Nel recente 2013, Roberto Zenit, professore di fisica presso l'Università Nazionale Autonoma del Messico, è stato arruolato dalla storica dell'arte Sandra Zetina per un progetto: usare la fluidodinamica per scoprire il segreto dietro le moderne tecniche artistiche .Per riprodurre la tecnica di Siqueiros, Zenit e Zetina hanno acquistato vernici simili a quelle che aveva Siqueiros e una superficie piana e orizzontale. Per l'esperimento, hanno versato un colore di vernice sulla superficie, lasciando che si diffondesse e versando un'altra quantità controllata di un colore diverso. I due studiosi, attraverso vari esperimenti, sono giunti a delle conclusioni interessanti: la miscelazione e l’infiltrazione dei colori derivano, da uno squilibrio tra le densità delle vernici. Quando un fluido più denso riposa sopra uno meno denso, il fluido superiore vuole spostarsi verso il basso, provocando la miscelazione dei due fluidi. A causa dei pigmenti utilizzati per conferire il colore, le vernici possono avere densità diverse. I pigmenti sono fatti di materiali diversi e ognuno di questi materiali ha un peso e una densità specifici. Alcuni sono più pesanti, come i metalli ,e alcuni provengono da materiale vegetale come fiori o resine; i vari pigmenti si spingono e si tirano l'uno contro l'altro ma il più delle volte, salgono e affondano creando l'aspetto di cellule o bolle scoppiate sulla tela. In fisica, questa battaglia tra le densità è chiamata instabilità di Rayleigh-Taylor e si manifesta in una serie di aree anche al di fuori dell'arte.

Sebbene Zenit si diverta a comprendere la scienza sottostante questo tipo di arte, non può mai spiegare completamente le complessità estetiche delle opere, ed è per questo che si affida agli artisti; molti artisti, ad esempio, capiscono, attraverso tentativi ed errori, quali metodi fanno scorrere la vernice in modi diversi. 
Zetina e Zenit hanno combinato la loro sperimentazione della meccanica dei fluidi con un lavoro investigativo storico: hanno cercato tra le lettere scritte da Siqueiros durante la conferenza del 1936 e hanno guardando i video della pittura di Pollock studiando come gli artisti hanno raggiunto i loro stili distintivi.
Anche il metodo di pittura non convenzionale di Pollock, di gocciolare la vernice da un bastoncino su una tela orizzontale, ha suscitato interesse nella meccanica dei fluidi per Zenit e Zetina: come ha creato i filamenti di vernice dritti e costanti che si accumulano per creare la sua arte? I filamenti sono stati posati in modo ritmico e, siccome Pollock si è lasciato riprendere mentre lavorava,  Zenit ha misurato la velocità con cui Pollock muoveva le mani e da quale altezza ha gocciolato la vernice e, infine, ha costruito un allestimento sperimentale per testare cosa ha influenzato la pittura sulla tela. Ciò che Zenit ha scoperto è che, con una viscosità della vernice ragionevole, la velocità della mano era il fattore necessario per creare le linee rette di vernice tipiche di Pollock piuttosto che le bobine arricciate.
Comprendere come sono state raggiunte le tecniche, grazie alla ricerca sulla dinamica dei fluidi, ha permesso agli artisti di ricreare e recuperare queste innovative tecniche di arte moderna, integrandole in nuove opere d'arte.
Zenit ha detto: "Queste sono tecniche che gli artisti fanno, ma non hanno gli strumenti o la terminologia per spiegarlo. Abbiamo imparato molto sugli artisti: sono maestri della meccanica dei fluidi, ma non lo sanno".

 

 Risorse:

http://physicscentral.com/explore/plus/accidental-painting.cfm

https://madartlab.com/secrets-paint-pouring-revealed/

https://www.fluidartprojects.com/the-science-behind-acrylic-flow-painting/

https://www.aps.org/publications/apsnews/201901/paint.cfm

 

1 commenti

Cinzia Morini

Grazie, é vero molti artisti la fanno ma non sanno bene il perché… Io la faccio da alcuni anni. Dopo aver analizzato gli elementi terra, aria fuoco, ora è il tempo dell’acqua e la fluid art è quella che in questo periodo mi sta dando molte soddisfazioni.. Grazie per l’informazione, importante per la conoscenza della materia.

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione